Una «espettatione di novità». I «maestri di getto» italiani e la diffusione della tecnologia bellica rinascimentale

Fabrizio Ansani (Università degli Studi di Padova)

 

Dopo la pace di Lodi, la valenza strategica delle artiglierie era ormai comunemente accettata da principi e condottieri, cortigiani e trattatisti, come il veterano napoletano Diomede Carafa, che, nei suoi Memoriali, lodava tanto «le artilglyarie» quanto «quilli se dellectano in epse», che «sono prudenti et haviranno honore. Et quello fa talvolta in una bocta una zarbactana, non che una bombarda, non li haveria bastato milglyara de homini»[1]. Il ricorso ad un numero sempre crescente di armi da fuoco non avrebbe però tardato ad avere effetti concreti anche sull’organizzazione delle armate, costringendo gli stati territoriali ad investire considerevoli somme sull’equipaggiamento dei loro eserciti permanenti, ed accelerando processi di innovazione già esistenti.

Intorno agli anni Cinquanta del Quattrocento, infatti, la rielaborazione tecnologica e le necessità militari avrebbero presto portato all’affermazione di «bombarde grosse» in bronzo, senz’altro più costose, ma maggiormente resistenti alla corrosione ed alle detonazioni della polvere da sparo. Le nuove forme avrebbero presto iniziato a circolare negli arsenali italiani, accompagnate spesso dai loro stessi creatori, i «maestri di getto», con i loro «gran secreti» sulla produzione delle artiglierie, come la correlazione tra lo spessore della camera di scoppio e la carica di propellente, il collegamento tra la lunghezza della volata e la gittata del pezzo, il rapporto tra le dimensioni della canna e quelle del proiettile, l’alesatura dell’anima, i sistemi d’incastro tra la «tromba» ed il «cannone».

Gli stati italiani incoraggiavano la circolazione di questa manodopera specializzata, contattando i vari artefici attraverso ambasciatori e mercanti, allettandoli con la fornitura gratuita di materie prime, con lo sconto del calo di lavorazione del bronzo, con un’officina pubblica ed i relativi strumenti, e con, ovviamente, un salario mensile, o una paga a cottimo, quest’ultima genericamente calcolata sulla quantità di metallo lavorata. Raffronti e scambi fra le più disparate culture tecniche, dunque, sembrano essere avvenuti in tutta la Penisola, durante tutto il secolo. A Venezia non era così difficile incontrare, fra i magazzini dell’«arzanà», esperti francesi, tedeschi, dalmati. Anche a Napoli, nel solo Castel Nuovo, operavano, alla metà del secolo, maestri provenienti da tutto il continente, agli ordini del «mestre maior de la artilleria», il parigino Guglielmo dello Monaco.

A Roma, negli anni Sessanta, erano giunti diversi tecnici tedeschi, su invito della Camera Apostolica. Nello stesso periodo, operava l’«egregius opifex» Agostino da Piacenza, arrivato in città su richiesta di papa Pio II[2]. Dal punto di vista della committenza, la decennale carriera di fonditore e bombardiere del maestro emiliano appare senz’altro come una delle più significative, a causa non solo del «servito» a Milano, Urbino, Mantova e a Siena, ma anche per essere stato richiesto a più riprese da condottieri e governanti, venendo spesso scambiato fra signori alleati. Tra «collegati», infatti, non era insolita la prassi di richiedere in prestito «maestri di getto». Lorenzo il Magnifico, ad esempio, non mancava di promuovere Leonardo da Vinci alla corte di Ludovico Sforza, né di assumere, per l’officina comunale fiorentina, l’artigiano ferrarese Alberghetto Alberghetti, probabilmente concessogli da Ercole d’Este.

Fin dalla metà del secolo, infatti, anche Firenze si era affidata esclusivamente a dei «maestri di getto» per la realizzazione delle sue armi d’assedio, forte anche della tradizione dei suoi scultori e dei suoi orafi, come Donatello e Michelozzo. Collaboratore di entrambe era stato Maso di Bartolomeo, incaricato dalla Signoria, a partire dal 1452, della fusione di almeno nove bombarde. Stando al suo quaderno di «conto di dare e d’avere e di opere»[3], l’artefice avrebbe lavorato anche nella «casa delle bombarde» urbinate, prima di venire ingaggiato dal signore di Faenza, Astorre II Manfredi, e dalla comunità dalmata di Ragusa.

Fra gli assistenti di «Masaccio» figurava anche un suo discepolo montepulcianese, che, fra gli anni Settanta ed Ottanta, si sarebbe guadagnato il soprannome di «Pasquino delle Bombarde». Dopo aver lavorato in Romagna ed in Toscana sotto la guida del maestro, Pasquino aveva poi modellato autonomamente svariate bocche da fuoco, finendo poi per trasmettere le sue conoscenze ad un allievo dell’amico Desiderio da Settignano, ovverosia Andrea del Verrocchio. Nel 1484, su sollecitazione del Magnifico, anche l’artista avrebbe realizzato, con nove tonnellate di «bronzami», una «grossa» di tre pezzi, «bella et buona».

Nel giro di quarant’anni, dunque, attraverso un’accorta politica di mecenatismo, la Repubblica sembrava aver favorito la creazione e la maturazione di una vera e propria scuola di «maestri di getto» locali, arrivando a possedere almeno venti pezzi di artiglieria campale. Soltanto le sollecitazioni dell’estenuante conflitto contro i genovesi avrebbero richiesto l’apporto di pratici forestieri, come l’«oltramontano» Giovanni da Augusta, arrivato in Italia come semplice artiglierie, ma divenuto, in breve tempo, il responsabile del «fornello» della cittadella nuova di Pisa.

Parallelamente alla scuola di Maso e di Pasquino, la tradizione fusoria dei Ghiberti si era andata evolvendo nel corso di almeno tre generazioni. Il giovane Bonaccorso era cresciuto lavorando a fianco del padre Vettorio, ammirando da vicino le monumentali «porte del Paradiso» realizzate da suo nonno Lorenzo. Erede degli strumenti, dei libri e della bottega di famiglia, anche lui avrebbe scelto l’avito mestiere, rivendicandolo sempre con orgoglio nei suoi scritti. E proprio grazie alle sue «ricordanze», al suo «libro di debitori e creditori» ed al suo «zibaldone»[4], è possibile ricostruire, più che per molti altri suoi contemporanei, la sua carriera di «pratico», a partire dal 1479, quando realizzava, per il Comune, le sue prime armi da fuoco.

Fra il 1486 ed il 1493, il Ghiberti si sarebbe trasferito più volte, dapprima a Bracciano, e poi a Piombino, lavorando per gli Orsini e gli Appiano. Tornato finalmente a Firenze, Bonaccorso rientrava in contatto con molti suoi vecchi conoscenti, come il campanaio Giuliano di Mariotto ed il pittore Pietro Vannucci, il famoso Perugino. In sette anni, aveva avuto occasione di confrontarsi con signori e mercenari, di sviluppare una pluralità di interessi, di colloquiare con artefici di diverse nazionalità e con differenti saperi. Allo stesso modo, anche Guglielmo dello Monaco e Dainese Maineri si erano formati nelle rispettive corti, conoscendo e frequentando orologiai, architetti, maestri da forno, militi, bombardieri, meccanici, salnitrai.

Le darsene veneziane, la fonderia del Castel Nuovo, la scuola fiorentina, l’«ufficio dei lavoreri ducali» milanese potevano dunque essere considerati come dei veri e propri collettivi di pratici, in cui venivano coinvolte e stimolate la «scientia, sufficientia, experientia, industria, diligentia et solicitudine» di una varietà di artefici[5]. Opinioni, prodotti, esperienze e metodologie formavano fonditori ed ingegneri, creatori delle proprie reti sociali nei palazzi pubblici, negli accampamenti, nelle officine, nelle piazze, nei mercati. E, nel vivace ambiente culturale del Rinascimento italiano, gli incontri tra tecnici, politici e militari si sarebbero rivelati fondamentali nell’acquisizione di una tecnologia bellica che, di lì a poco, avrebbe radicalmente cambiato il modo di guerreggiare.

Dopo aver attirato l’attenzione di diversi signori italiani, infatti, la temibile artiglieria di Carlo VIII sarebbe stata immediatamente adottata dalle principali potenze della Penisola, spesso su suggerimento dei condottieri che avevano militato sotto le insegne del sovrano francese. Dal canto loro, i «maestri di getto» si sarebbero adattati piuttosto facilmente alle nuove forme, diffondendo rapidamente la novità attraverso i loro spostamenti, come nel caso di Basilio della Scola e Sigismondo Alberghetti, stabilitisi rispettivamente a Venezia ed a Ferrara dopo aver servito a Lione ed a Milano.

La velocità di trasmissione delle tecniche avrebbe avuto un che di sorprendente. Non si trattava di imitare solamente un prodotto, ma di replicare tutto un complesso di strumenti, di pratiche, di strategie atte a farlo funzionare a dovere. Le nuove artiglierie, infatti, avrebbero dovuto essere montate su complicati affusti mobili, ed essere caricate con pallottole di ferro, difficilmente realizzabili senza l’ausilio di fornaci adeguate. Eppure, nel giro di cinque, dieci anni, gli stati italiani potevano schierare ovunque cannoni, colubrine e falconetti, grazie alla mobilitazione di ingenti risorse finanziarie, e grazie al contributo dei propri, numerosi specialisti, che già da tempo si interrogavano sui miglioramenti da apportare alle varie bocche da fuoco. Certo, non sarebbero mancati fallimenti ed errori. Ma, sul finire del Quattrocento, «li moderni, più ingeniosamente et con miglior ragioni procedendo, perché le sperienze così gli hanno demostrato», iniziavano a produrre armi di «assai maggior effetto»[6].

Ed anche se, «nel farle, è gran differenza da maestro a maestro, perché ogniuno vuol dimostrare d’havervi sopra gran pareri e gran segreti», la «regola» dei fonditori si sarebbe rivelata fondamentale nei successivi sviluppi della «scienza militare». In un’Europa in fermento, anche i «maestri di getto» sarebbero stati capaci di «fare uno mondo nuovo», che «in fatto di ghuerra potreste cerchare da lo levante a lo ponente per tale misterio di trovare homini al proposito di vostre signorie», e «troverete che per aventura sarà meglio avere quatro nostri pari che avere sedici isquadre di chavagli»[7].

 

 

[1] D. Carafa, Memoriali, a cura di C. Petrucci Nardelli, Roma, 1988, p. 343.

[2] E. S. Piccolomini, Commentarii rerum memorabilium, quae temporibus suis contigerunt, Francoforte, 1614, p. 135.

[3] Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Baldovinetti, 70.

[4] Si tratta, rispettivamente, dei manoscritti 13230 e 13229, conservati presso l’archivio storico dell’Istituto degli Innocenti, e del quaderno, segnato 228, appartenente al fondo banco rari della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

[5] F. Repishti, «Architetti e ingegneri tra Quattro e Cinquecento in Lombardia», in Formare le professioni. Ingegneri, architetti, artisti, a cura di A. Ferraresi e M. Visioli, Milano, 2012, p. 44-58.

[6] V. Biringuccio, Pirotechnia, Venezia, 1558, c. 79rv.

[7] Archivio di Stato di Firenze, Dieci di balìa, Responsive, 57, c. 259v-260r. La missiva è pubblicata integralmente in F. Ansani, «Geografie della guerra nella Toscana del Rinascimento. Produzione di armi e circolazione dei pratici», Archivio Storico Italiano 651 (2017), p. 111-113