Trasmissione del sapere e “spionaggio industriale” nel settore serico a Siena (XV secolo)

Marco Giacchetto

 

La trasmissione del sapere artigianale nel medioevo era caratterizzata da una direttrice verticale, che intercorreva all’interno della bottega dal maestro all’allievo, e da una direttrice orizzontale che riguardava il travaso di competenze tecniche da un luogo geografico ad un altro. Quest’ultima, diversamente dalla prima, vedeva il trasferimento fisico di persone che, migrando da una città ad un’altra, portavano con sé il proprio bagaglio di conoscenze e le proprie attrezzature.[1] Le istituzioni pubbliche se da un lato vietarono con pene severe l’emigrazione dei propri artigiani dall’altra incoraggiarono l’immigrazione di artigiani nelle proprie città.

La produzione di seterie impiantatasi in Italia ed arrivata nella fattispecie a Lucca nel XII secolo, si diffuse verso altre città, per cause politiche, nel 1314. La diaspora di saperi coinvolse, in prima istanza, le città di Bologna, Venezia, Firenze e alla luce delle recenti scoperte, Siena.[2]

La cronologia della produzione serica senese non fu dissimile da quella fiorentina. Diversa fu la grandezza del comparto fra le due città. Firenze, memore della dinamica lucchese, annettendo Pisa nel 1406, ad esempio, ne soffocò la nascente industria serica.[3]

Ma la città dove non si poteva permettere un’industria della seta era Siena. Questa seppur piccola, essendo più vicina all’importante mercato dei tessuti di Roma, fu costantemente nei pensieri dell’Arte di Por Santa Maria. Ma se da una parte Firenze tentò di ostacolare la fuoriuscita di saperi, d’altra parte Siena cercò maestri disposti a migrare nella propria città.

A Siena la diffusione di saperi necessari alla produzione serica, nella prima metà del XV secolo, fu caratterizzata da migrazioni spontanee di singoli artigiani senesi che rimpatriarono dopo aver acquisito competenze in altre città. L’impianto di tale industria non poté arrivare da maestri forestieri troppo disinteressati, quest’ultimi, a emigrare in una città che non garantiva loro nessun sussidio.

Mino di Roba Squarcialupi, dopo aver vissuto diversi anni a Firenze, decise di aprire insieme al fratello un’attività tessile serica a Siena appellandosi al Comune nel 1412.[4] Mancando infatti un’Arte riconosciuta e in assenza di una politica economica protezionista da parte del Comune, i singoli erano isolati e in balia delle iniziative fiorentine.[5] L’attività di Mino, difatti, malgrado il sussidio ricevuto, nel 1434 chiuse a seguito di un incendio.[6]

Le cause dell’incendio rimangono oscure. Sebbene venne rifatto a spese del pubblico, il palazzo passò da lì a poco ai Pecci, e i tre figli di Mino ritornarono a Firenze.[7]

Questo ‘incidente’, probabilmente, fu uno dei primi atti dolosi che Firenze compì nei confronti della nascente industria serica senese. Dal 1435 al 1440, Siena si impegnò attivamente all’accrescimento di tale arte producendo una serie di provvedimenti contro la condotta fiorentina.

“da poi che in Siena si cominciò ad tèssare e lavorare drappi over velluti de seta per li fiorentini continuamente sònno tenute pratiche de tòllare e guastare detta arte nella vostra ciptà, sicome dar bando ad lavoranti e mahestri che qua fussero ad lavorare”.[8]

Ma vedendo che tali atti non fermarono gli artigiani,

“ànno mandato qua da due volte e più, lor mandati a corrompare nostri tessitori et altri lavoranti; et di ciò da fedelissimo nostro amico insino da Fiorenza siamo advisati de tali mandati, et simili de’ nomi et sopranomi et di loro affare”.

Per gran parte del ‘400 esistette fra le due città un vero e proprio “spionaggio industriale”. Vi erano infatti persone infiltrate sia all’interno di Por Santa Maria e, ovviamente in senso contrario, a Siena che rivelavano le strategie adottate dalle controparti.

Le pene contro i “sabotatori” non furono lievi. Oltre al carcere e ad una multa, il condannato veniva frustato pubblicamente e marcato a caldo sotto la gola.[9] Queste e altre pene non bastarono però a scoraggiare i fiorentini e altra città che, in verità, continuarono ad opporsi all’importazione di tecniche a Siena. Nel 1444 venne incarcerato un veneziano, Zaccaria di Tomme, reo di aver tentato di persuadere il tessitore di seta Gherardo a lasciare la città. Il tentativo riuscì ma Zaccaria fu catturato. Venne rilasciato una volta che Gherardo, rientrando a Siena con la sua famiglia, ripristinò la situazione precedente.[10]

I setaioli senesi d’altra parte non furono da meno. Se da un lato lamentavano l’intromissione fiorentina, dall’altra rivolsero anch’essi le loro attenzioni a quei centri ricchi di artigiani qualificati. Nel 1437 si presentarono dinanzi al CG di Siena tre maestri tessitori: Martino d’Antonio da Siena, il quale abitava a Lucca; Simone di Nanni da Siena, il quale abitava a Venezia e Lupo di Nanni da Firenze. Essi furono da

“Ciptadini [senesi] levati da loro inniamenti per venire ad formare nella V.M. ciptà questa honorevole arte. Et fullo data speranza et facte promesse che la S.V. lo farebbe subsidio, il perché loro affetionati ala patria [vennero a Siena]”.

Siena cercò di competere con gli altri centri di produzione adottando le medesime strategie fiorentine. Questi maestri furono portati a Siena da “certi ciptadini […] mediante certe pratiche tenute intorno a la detta materia, le quali cose per buoni motivi respetti non se specificano al presente”.[11] Ci si prodigò, in altre parole, a celare sia ‘chi’ si occupava dell’ingaggio degli artigiani forestieri, sia ‘come’ ciò avveniva.

Malgrado i rischi molti artigiani riuscirono ad emigrare in altri luoghi, bramosi di migliorare la propria posizione magari mediante sussidi o privilegi. Questo fu il caso di Giovanni di Petroccio Del Grissa che, verso il 1410, da Firenze dove imparò a tessere “fiette damaschine e broccate […]per condurre el magistero di quelle, in Siena trasse segretamente di Firenze più artifitii con grande pericolo de la persona sua”.[12]

Il Comune di Siena aveva infine adottato una politica a sostegno degli artigiani che immigravano in città. Nel 1439 estese a qualsiasi forestiero il provvedimento concesso l’anno prima ai tre tessitori già menzionati. Similmente si cercò di importare anche altri mestieri indispensabili alla tessitura di drappi auroserici: i battilori.

Il battiloro era quell’artigiano che “battendo” metalli preziosi produceva le lamine che venivano avvolte sul filo di seta. Le competenze del battiloro erano richieste inoltre anche da altri artigiani come miniatori e pittori.

L’Arte dei Depintori presentò una petizione al CG nella quale denunciava la mancanza di un battiloro. Tale mancanza comportava, insieme all’Arte della Seta, la fuoriuscita di 4000 fiorini dalla città. Essendo arrivato però un battiloro a Siena si richiese un sussidio affinché egli rimanesse. Il battiloro, Iacomo di Giovanni da Genova, era persona d’assai cioè facoltosa e ricca -ma cosa più importante- era perfettissimo maestro del proprio mestiere.[13] Gli venne quindi concesso uno stipendio annuo per i successivi tre anni. Oltre a lavorare a Siena doveva insegnare, senza altro pagamento, la propria arte a qualche senese. La mole di lavoro era così vasta che Iacomo chiamò in suo aiuto il fratello Battista direttamente da Genova. A quest’ultimo gli vennero estesi gli stessi privilegi dati al fratello con l’obbligo però d’insegnare l’arte a quattro garzoni senesi dietro il giusto pagamento.[14]

Un altro pilastro sul quale si fondava la produzione serica era quello legato alla tintura delle stoffe. Siena, tuttavia, ebbe difficoltà a reperire tintori sin da quando Firenze, nel 1440, era riuscita a corrompere il tintore di cremisi operativo in città. Veniva colpita così la parte artistica più rilevante della produzione serica. Anche in questo caso il CG decise di dare un sussidio al tintore che sarebbe stato condotto in città dall’Arte[15]. Nel 1451, Pietro di Neri, dopo quasi trent’anni di attività a Firenze,[16] approfittò del sussidio e si trasferì a Siena[17]. Dopo qualche anno però morì senza lasciare un sostituto tant’è che, nel 1461, il CG si rimise in cerca di un nuovo tintore.[18]

Ciò che si evince è che da una importazione di saperi affidata dapprima alle iniziative dei singoli si passò, via via, a una trasmissione fortemente voluta dalle istituzioni pubbliche che a loro volta, nel tempo, declinarono all’Arte della Seta. Certo è che il Comune si mosse spinto dagli interessi di gruppi di individui che pressarono affinché il potere pubblico legiferasse in materia. In questo caso però si può parlare di un passaggio consapevole di un patrimonio di conoscenze voluto dal Comune senese. Ai due battilori, infatti, come clausola per i benefici avuti fu imposto la trasmissione del proprio sapere ai cittadini senesi.

Interessante è lo studio delle relazioni che vennero ad istaurarsi tra vecchi e nuovi artigiani. Nel patto stipulato tra il Comune e alcuni setaioli senesi che sancisce di fatto la nascita dell’Arte della Seta, nel 1451, viene specificato come ogni artigiano doveva essere “benignamente veduto et ricevuto senza pagare alcuno dritto alla detta Arte.”[19]

Incuriosisce come i contraenti, all’interno di un patto laconico e che regolamentava le frodi, l’amministrazione della giustizia, i prezzi e le misure di vendita, abbiano sentito la necessità di specificare la natura dei rapporti che dovevano sussistere tra tessitori senesi e nuovi arrivati. I due battilori avevano scelto Siena perché sapevano “essare veduti volontieri”[20], evidentemente perché portavano con sé saperi esclusivi non presenti in città. Lo stesso forse poteva non accadere per i nuovi tessitori. I rapporti, talvolta, potevano essere da parte degli artigiani senesi anche di chiusura. Dopotutto i nuovi arrivati detenevano spesso saperi e telai superiori rispetto ai tessitori presenti in città e potevano essere interessati ad ottenere posizioni di favore piuttosto che condividere con altri le proprie conoscenze.

 

 

[1] D. DEGRASSI, La trasmissione dei saperi: le botteghe artigiane, in “La trasmissione dei saperi nel Medioevo (secoli XII-XV), Pistoia, 2005, pp. 65-66.

[2] F. E. DE ROOVER, Le sete lucchesi, Lucca, 1993; I. DEL PUNTA, Lucca e il commercio della seta nel Medioevo, Ospedaletto, Pacini, 2010; L. MOLA’, La comunità dei lucchesi a Venezia: immigrazione e industria della seta nel tardo Medioevo, Venezia, 1994; S. TOGNETTI, Un’industria di lusso al servizio del grande commercio: il mercato dei drappi serici e della seta nella Firenze del Quattrocento, Firenze, Olschki, 2002; M. GIACCHETTO, Produzione e commercio della seta in Siena: origini e sviluppo XIV-XV secolo, Tesi di laurea, Siena, 2017.

[3] U. DORINI, L’arte della seta in Toscana, Firenze, 1928.

[4] V. LUSINI, Miscellanea di Storia senese, I, 1865, pp.29-30.

[5] Tutte le fonti provengono dall’Archivio di Stato di Siena (ASS), Concistoro 318 c.20.

[6] G. DELLA VALLE, Lettere senesi, Venezia, Pasquali, 1782-1786, p.41.

[7] M. TULIANI, A proposito del palazzo detto degli Squarcialupi: un’attribuzione errata, in “Bullettino senese di storia patria”, CXII, 2005, pp. 463-469; F. E. DE ROOVER, L’arte della seta, cit. p. 78 n.

[8] Ivi p.124.

[9] Ibid.

[10] Consiglio Generale (da ora in poi CG) 222 c. 157v, 1444 maggio 24.

[11] L. BANCHI, L’arte della seta, cit. pp.117-119.

[12] CG 226 c.79v. 1453 marzo 18.

[13] CG 220 cc.191v-192r, 1440 settembre 19.

[14] CG 221 cc.37r-37v. 17 luglio 1441.

[15]Statuti di Siena 40 c.73r. 1451 novembre 11.

[16] F. E. DE ROOVER, L’arte della seta, cit. pp. 34. 43.

[17] Lira 58 c.120, 1454.

[18] L. BANCHI, L’arte della seta, cit. p.131.

[19] Statuti di Siena 40 cc.72v-75r. 1451 novembre 11.

[20] CG 221 cc.37r-37v. 17 luglio 1441.