Formazione e attività dei giovani mercanti. Fattori, collaboratori e soci nelle aziende di Francesco Datini

Marco Tumino (Università di Pisa)

 

La tematica della trasmissione dei saperi mercantili non è certo nuova in ambito storiografico, ma le difficoltà nel reperire informazioni dalle poche fonti disponibili hanno lasciato ancora aperte alcune questioni che meritano d’esser approfondite, come i contenuti scolastici impartiti e le modalità del processo formativo dei discepoli, il rapporto tra domanda e offerta di istruzione, le mansioni e le responsabilità che i giovani apprendisti avevano e le condizioni in cui questi operavano nel quotidiano.

A partire dall’analisi dei contratti di discepolato e di salariato, Henri Pirenne per primo si interrogò sul come e il quando i mercanti medievali delle Fiandre iniziarono a istruirsi e a dotarsi delle conoscenze utili per praticare la mercatura in una società avente una vocazione economica sempre più commerciale[1]. Dalle pioneristiche ricerche di Pirenne svolte negli anni Trenta del Novecento, occorrerà attendere gli studi di Federigo Melis e Armando Sapori per avere un primo ritratto dei giovani mercanti italiani all’opera nel pieno Medioevo[2]. Le ricerche del Sapori gettavano nuova luce sulla cultura e la trasmissione dei saperi in ambito mercantile, delineando il percorso di crescita dei giovani apprendisti e smentendo nettamente gli studi di Werner Sombart, che avevano posto l’accento sul carattere rozzo e spiccatamente personale dell’impresa mercantile e della sua “errata” contabilità. Fu Federigo Melis successivamente a mettere in evidenza la precisione nel calcolo e l’accuratezza nella registrazione contabile, il ruolo dei fattori e dei garzoni datiniani e la loro formazione comune, come dimostrerebbe la crescente uniformità della grafia mercantesca e della compilazione della fonte contabile, sempre più chiara e standardizzata.

Tra gli anni Settanta e Ottanta del Ventesimo secolo si svilupparono nuovi studi che posero l’attenzione sul mondo dei saperi, sul loro apprendimento e sulla loro diffusione in ambito mercantile[3], studi che hanno evidenziato lo stretto legame tra l’insegnamento teorico e quello pratico.

L’interesse rivolto ai primi stadi della formazione del giovane avviato alla mercatura si focalizzò in primis sull’insegnamento grammatico delle scuole classiche e successivamente sull’insegnamento della matematica e delle nozioni algebriche impartito nelle scuole d’abaco, che a partire dal Tredicesimo secolo fiorirono in quasi tutte le maggiori piazze commerciali italiane.

Le società urbane aventi una forte vocazione mercantile e bancaria privilegiarono l’apprendimento scolastico fondato sullo studio dell’abaco e dell’algebra per rispondere alla necessità di formare personale che venisse impiegato nell’amministrazione della contabilità di aziende e società dalle dimensioni sempre più grandi, che per la mole di affari e la loro estensione necessitavano di costanti scambi epistolari ed effettuavano operazioni di calcolo anche molto complesse.

Il salto di qualità nell’insegnamento matematico avvenne nei primi decenni del Duecento quando un giovane Leonardo Pisano, dopo aver viaggiato lungo le coste del Mediterraneo, aver raccolto il sapere della geometria greca e appreso gli strumenti di calcolo elaborati dalla matematica araba, introdusse in Occidente nuovi contenuti e nuove forme di calcolo, fissando i fondamenti del calcolo mercantile con l’adozione della numerazione posizionale con le cifre indo-arabiche al posto dei numeri romani, della regola del ‘tre’, del calcolo dell’interesse e dello sconto. La rinascita delle scienze matematiche si concretizzò nel quotidiano nell’ultimo ventennio del Duecento con l’istituzione delle scuole d’abaco comunali, fenomeno precoce e capillare nella regione toscana ma che nel corso del Trecento interesserà tutto il territorio italiano come dimostrato dall’attestazione di questi insegnamenti a Milano, a Bologna, a Perugia e a Roma[4].

Se la scuola cittadina rappresentò quindi la base della formazione teorica del sapere del mercante, il vero banco di prova per i giovani apprendisti era rappresentato dalla vita nel fondaco e dalle attività di bottega che questi erano tenuti a svolgere.

La veicolazione del sapere attraverso il contatto con altri mercanti in questi luoghi diventava fondamentale per tutti quei giovani che, non appartenendo ad una famiglia di consolidate origini mercantili, non avevano ricevuto un insegnamento domestico e pratico, come accadeva invece nelle grandi famiglie dei Guidi a Siena o degli Spinola a Genova.

Emblematico in tal senso è l’avvio alla mercatura di Francesco Datini che, rimasto orfano in giovane età, venne istruito alla pratica della mercatura dapprima con viaggi e brevi esperienze lavorative svolte nelle botteghe fiorentine, dove apprese l’arte del far di conto, e successivamente, sulle orme di molti mercanti fiorentini e toscani, ad Avignone dove da inizio Trecento si trovava la sede papale. Nella fiorente città provenzale, dopo un periodo di praticantato durante il quale ricoprì i ruoli di garzone e di fattore, il mercante pratese compare dapprima associato in diverse compagnie nel ruolo di socio subordinato e, successivamente, in qualità di socio con le aziende di Tuccio di Lambertuccio e di Toro di Berto di Tieri.

Nel 1373, dopo aver acquisito una lunga esperienza e ormai all’età di 38 anni, il Datini fondò la sua prima azienda individuale. All’interno del fondaco avignonese vennero avviati alla mercatura alcuni dei più importanti e fedeli collaboratori del pratese, quali Tieri di Benci, amico e collaboratore per più di 30 anni, Boninsegna di Matteo Boninsegna, collaboratore a Pisa e futuro responsabile della sede avignonese, e Stoldo di Lorenzo, anch’egli destinato a seguire il Datini da Avignone a Pisa, prima come fattore e poi, a Firenze, come socio della Compagnia.

La formazione teorica e pratica di questi giovani collaboratori risultava fondamentale ai fini della soluzione che Francesco andava adottando per la gestione del suo sistema d’aziende: una volta creata la Compagnia, questa veniva affidata in gestione a uno stretto collaboratore o a un fattore che aveva già operato nell’azienda in posizione subordinata. Elevare al ruolo di socio aziendale un fidato compagno dava la garanzia al Datini che il nuovo dirigente, formatosi nella stessa sede, svolgesse nel migliore dei modi la propria attività, in quanto questi ne traeva un tornaconto personale non essendo un semplice “impiegato” e in più permetteva a Francesco di porsi al capo della gerarchia aziendale e di coordinare tutte le attività tramite la corrispondenza epistolare e la documentazione contabile, richiamata periodicamente nella sua abitazione pratese.

Il fondaco pisano, inaugurato nel 1382, rappresentava la sede dove svolgevano i primi passi coloro che sarebbero diventati i più stretti e fidati collaboratori del Datini che, dopo il periodo di formazione e l’esperienza maturata a capo del fondaco, venivano inviati a dirigere le principali aziende italiane ed estere (tra questi Manno d’Albizo, Luca del Sera, Cristofano di Bartolo e Simone Bellandi). Tale sistema di avvicendamento interno alla stessa azienda è reso possibile dalla presenza di operatori esperienti e fidati, maestri per i più giovani, che al loro fianco apprendono a maneggiare libri contabili e a svolgere transazioni commerciali. L’operato dei giovani collaboratori emerge dal carteggio che l’azienda Datini intrattiene con il mercante fiorentino Ambrogio Bini, attivo a Palermo con una bottega e impegnato principalmente nella compravendita di frumento e panni. La fitta corrispondenza mostra come le attività svolte dai fattori prevedessero di redigere lettere e trascrivere – interamente o parzialmente – copie di lettere, prestare servizio dietro il bancone della bottega associata all’azienda, effettuare i viaggi verso i centri fieristici dove avrebbero provato a vendere quelle merci che il mercante fiorentino non era riuscito a piazzare a Palermo e sollecitare i creditori al pagamento del denaro dovuto.

Partendo da una buona preparazione teorica e da tanta esperienza sul campo, nella bottega di paese come nel fondaco di una città straniera, un giovane che intraprendeva la strada della mercatura poteva quindi, partendo dalle mansioni più umili, scalare la gerarchia aziendale e raggiungere uno status economico e sociale molto importante, come dimostrato dalla fortunata esperienza di Francesco Datini che, partito come semplice garzone, creò nel giro di pochi decenni un sistema aziendale articolato, al momento della sua massima espansione, in due aziende “individuali” e ben otto aziende “collettive”, tutte situate nelle principali piazze commerciali europee.

 

 

[1] H. Pirenne, “L’instruction des marchands au Moyen-âge”, Annales d’Histoire Économique et Sociale, I (1929)

[2] A. Sapori, “La cultura del mercante medievale italiano”, Rivista di Storia Economica, II (1939); F. Melis, Documenti per la storia economica dei secoli XIII-XIV, Firenze, Leo S. Olschki, 1972.

[3] F. Borlandi, “La formazione culturale del mercante genovese nel Medioevo”, Atti della Società Ligure di Storia Patria, III, (1963); R. A. Goldthwaite, “Schools and Teachers of Commercial Arithmetic in Renaissance Florence” Journal of European Economic History, I (1972), pp. 418-433; T. Antoni, “Le scuole di abaco a Pisa nel secolo XIV”, Economia e Storia, XX (1973); R. Franci, L. Toti Rigatelli, “La trattatistica matematica del Rinascimento senese”,  Atti dell’Accademia delle Scienze di Siena detta de’ Fisiocritici, s. XIV, 13 (1981); R. Black, “Umanesimo e scuola nell’ Arezzo rinascimentale”, Atti e Memorie dell’Accademia Petrarca di Lettere, Arti e Scienze, L (1988), pp. 87-112.

[4] Sulla diffusione delle scuole d’abaco e sul successo delle scuole fiorentine si rimanda ai saggi di Elisabetta Ulivi, “Scuole e maestri d’abaco in Italia tra Medioevo e Rinascimento”, in E. Giusti, R. Petti (a cura di), Un ponte sul Mediterraneo. Leonardo Pisano, la scienza araba e la rinascita della matematica in Occidente, Firenze, Polistampa, 2002, pp. 121-159; e “Le scuole d’abaco a Firenze (seconda metà del sec. XIII-prima metà del sec. XVI)”, in E. Giusti (a cura di), Luca Pacioli e la Matematica del Rinascimento, Atti del Convegno internazionale di studi, Sansepolcro 13-16 aprile 1994, Città di Castello, Petruzzi, 1998, pp. 41-60.